Papà fa un tweet di sos per il figlio: rispondono a migliaia e anche Russell Crowe

·1 minuto per la lettura
bimbo autistico tweet
bimbo autistico tweet

Kev Harrison, papà del povero Daniel, ha lanciato un appello su Twitter nel quale chiedeva aiuto per il figlio, affetto da una grave forma di autismo, che non riesce a socializzare. A rispondere sono stati in migliaia, tra cui anche famose celebrità.

L’appello per il figlio autistico

Kev Harrison, papà del povero Daniel, ha lanciato un appello su Twitter nel quale chiedeva aiuto per il figlio, affetto da una grave forma di autismo, che non riesce a socializzare e viene costantemente emarginato dalla maggior parte dei suoi coetanei.

«Mio figlio per il suo 15esimo compleanno ha espresso due desideri: guidare l’auto e avere amici. Aiutatemi». Questo il tweet condiviso da Kev, papà del giovane Daniel, che vuole finalmente vedere felice il proprio figlio.

L’appello per il figlio autistico: un successo mondiale

L’SOS lanciato dal papà britannico di un ragazzo autistico è diventato virale su Twitter e ha commosso tutti, persino alcune star di Hollywood, come il premio Oscar Russell Crowe e l’attore di Star Wars, Mark Hamill, i quali hanno inviato i loro auguri di buon compleanno a Daniel. Oltre a queste personalità importanti, virtualmente si sono unite altre 122mila persone – utenti di Twitter – per augurare un felice compleanno al ragazzo.

L’appello per il figlio autistico: la gioia di Kev e Daniel

Prima il papà e poi Daniel si sono rivelati stupiti e incredibilmente felici del successo che questo post ha riscontrato. Addirittura Kev ha parlato dell’accaduto alla BBC:

«Davanti a questa risposta globale Daniel è impazzito di gioia. Lui frequenta una scuola per bambini con bisogni speciali, gioca in cortile da solo, non ha amici e finora è stato invitato a solo tre feste di compleanno».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli