Papa alla Caritas: programma del futuro? Siate pazzi di amore

Ska

Roma, 29 nov. (askanews) - Il programma per il futuro? Essere "pazzi di amore". Papa Francesco visita la cittadella della Caritas romana, su via Casilina Vecchia, in occasione dei 40 anni dell'opera fondata da don Luigi di Liegro, e al direttore, don Benoni Ambarus, che gli chiede indicazioi per i prossimi 40 anni, risponde con la parabola del buon Samaritano, e in particolare con un dettaglio: "Il Vangelo va annunciato con la testimonianza, non con gli argomenti o il proselitismo, no: con la testimonianza. Gesù ci ha lasciato un esempio di testimonianza per i prossimi 40 anni: quell'uomo che non era religioso, pensava che non era religioso..., che trova sulla strada uno ferito dai ladri e lo prende, se ne prende cura, lo porta. E' interessante Gesù non dice parole di quest'uomo, solo dice che 'ne ebbe compassione', 'patire con': lo prende lo porta, parla col locandiere, lo cura, 'io devo andarmi ma dopo due giorni torno', dà le monete, se ce n'è qualcosa di più pagherò di più... Io penso a quel locandiere, cosa aveva pensato: 'questo è un pazzo', questa è la parola che vorrei dirti: pazzia! Pazzia d'amore, pazzia di aiutare, pazzia di condividere la propria vulnerabili con gli altri. 'Ma questi preti invece di rimanere in chiesa, dire messa e stare tranquilli fanno tutto questo movimento, sono pazzi', ecco bravo, sono pazzi! Questo è il programma: pazzi. Pensare al locandiere".