Papa all'Angelus: "Dio ci aspetta sempre e non si stanca" -3-

Fco

Roma, 15 set. (askanews) - "Oggi non dimenticatevi, prendete il Vangelo e leggete le tre parabole di Luca, capitolo quindicesimo. Vi farà bene, sarà salute per voi", l'invito di papa Francesco, "E come si farà a sconfiggere il male? Accogliendo il perdono di Dio, accogliendo il perdono dei fratelli. Succede ogni volta che andiamo a confessarci".

"Dio, quando perdona, perde la memoria, dimentica i nostri peccati", ha sottolineato il pontefice, "Dimentica perchè Dio è tanto buono con noi. Non come noi che dopo aver detto tante volte 'non fa nulla', alla prima occasione ci ricordiamo con gli interessi dei torti subiti. No, Dio cancella il male, ci fa nuovi dentro e così fa rinascere in noi la gioia, non la tristezza, non l'oscurità nel cuore, non il sospetto. La gioia. Fratelli e sorelle, coraggio: con Dio nessun peccato ha l'ultima parola. La Madonna che scioglie i nodi della vita ci liberi dalla pretesa di crederci giusti e ci faccia sentire il bisogno di andare dal Signore che ci aspetta sempre per abbracciarci e perdonarci".