Papa: basta ingiustizia, disuguaglianza e violenza verso le donne

Ska

Città del Vaticano, 9 gen. (askanews) - Per la Chiesa Cattolica, quest'anno ricorre il settantesimo anniversario della proclamazione dell'Assunzione di Maria Vergine al Cielo: "Con lo sguardo a Maria, desidero rivolgere un pensiero particolare a tutte le donne, 25 anni dopo la IV Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulla donna, svoltasi a Pechino nel 1995, auspicando che in tutto il mondo sia sempre più riconosciuto il ruolo prezioso delle donne nella società e cessi ogni forma di ingiustizia, disuguaglianza e violenza nei loro confronti". Lo ha detto il Papa nella nella tradizionale udienza di inizio anno al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede.

"'Ogni violenza inferta alla donna è una profanazione di Dio'", ha detto il Papa riecheggiando la sua omelia del primo gennaio. "Esercitare violenza contro una donna osfruttarla non è un semplice reato, è un crimine che distrugge l'armonia, la poesia e la bellezza che Dio ha voluto dare al mondo".