Papa: Chiesa crea ponti di amicizia al posto delle barriere

Ska

Città del Vaticano, 7 ago. (askanews) - Quando negli Atti degli Apostoli "Pietro invoca il nome di Gesù" e "ordina al paralitico di mettersi in piedi, nella posizione dei viventi", "tocca questo malato, cioè lo prende per mano e lo solleva, gesto in cui San Giovanni Crisostomo vede 'un'immagine della risurrezione'": lo ha sottolineato il papa nell'udienza generale in aula Paolo VI. "E qui - ha poroseguito - appare il ritratto della Chiesa, che vede chi è in difficoltà, non chiude gli occhi, sa guardare l'umanità in faccia per creare relazioni significative, ponti di amicizia e di solidarietà al posto di barriere. Appare il volto di 'una Chiesa senza frontiere che si sente madre di tutti', che sa prendere per mano e accompagnare per sollevare, non per condannare".