Papa con segretario Onu: non possiamo salvarci da soli

Ska

Città del Vaticano, 20 dic. (askanews) - "Rendiamo grazie per tutto il bene che c'è nel mondo, per i tanti che si impegnano gratuitamente, per chi spende la propria vita nel servire, per chi non si arrende e costruisce una società più umana e più giusta. Lo sappiamo: non possiamo salvarci da soli". Lo ha detto Papa Francesco in un video-messaggio registrato nella bilbioteca vaticana accanto al segretaario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

"E' bello che questo nostro incontro avvenga nei giorni che ci conducono verso il Natale", afferma il Papa in spagnolo. "Sono giorni in cui i nostri sguardi sono rivolti al cielo per affidare a Dio le persone e le situazioni che più abbiamo a cuore. In questo sguardo ci riconosciamo figli di un unico Padre, fratelli".

"Non possiamo, non dobbiamo girarci dall'altra parte di fronte alle ingiustizie, alle disuguaglianze, allo scandalo della fame nel mondo, della povertà, dei bambini che muoiono perché non hanno acqua, cibo, le cure necessarie", afferma il Papa. "Non possiamo chiudere gli occhi di fronte ai tanti nostri fratelli che, a motivo di conflitti e violenze, della miseria o dei cambiamenti climatici, lasciano i loro Paesi e vanno incontro spesso a un triste destino. Non dobbiamo rimanere indifferenti davanti alla dignità umana calpestata e sfruttata, agli attacchi contro la vita umana, sia quella non ancora nata sia quella di ogni persona bisognosa di cure".