Papa: con virus dolore e morte ma anche litania di opere di bene

Sav

Roma, 13 giu. (askanews) - "Tendere la mano un segno: un segno che richiama immediatamente alla prossimit, alla solidariet, all'amore. In questi mesi, nei quali il mondo intero stato come sopraffatto da un virus che ha portato dolore e morte, sconforto e smarrimento, quante mani tese abbiamo potuto vedere", una "litania di opere di bene" composta da tante mani tese - dai medici agli infermieri, dai sacerdoti ai volontari, alle forze dell'ordine - che "hanno sfidato il contagio e la paura pur di dare sostegno e consolazione". Lo scrive Papa Francesco in un passaggio del suo messaggio per la IV Giornata mondiale dei poveri.