Papa: contro gli abusi serve un apostolato della prevenzione

Ska

Città del Vaticano, 22 lug. (askanews) - "La protezione dei minori è un problema serio", del "quale tutti conosciamo le vergogne che ha portato alla Chiesa", coinvolgendo "i nostri membri in questi crimini". Lo ha detto nei giorni scorsi Papa Francesco, in un videomessaggio rivolto in spagnolo agli studenti di un corso sui protocolli e i processi per prevenire gli abusi su bambini e ragazzini.

Promosso dal Centro di ricerca e formazione interdisciplinare per la protezione dei minori (Ceprome), il corso si svolge fino al 26 luglio alla Pontificia università del Messico. Nel messaggio, riportato dall'Osservatore Romano, il Pontefice sottolinea l'importanza del tema: "Prevenire per prendersi cura dei minori, è l'apostolato della prevenzione", spiega. Quindi ricorda che è stato don Bosco a istituire "un modo di agire nell'educazione che fu chiamato sistema preventivo". E' stato "molto criticato nelle epoche più illuministiche dell'educazione". E solo dopo ci si è resi conto, prosegue Francesco, che l'intuizione del fondatore dei salesiani "aveva un grande valore", addirittura "un valore fondamentale", perché "non sai mai dove abuseranno un bambino, dove devieranno un bambino, dove gli insegneranno a fumare droga, che è una forma di corruzione", perché - ha chiarito il Papa - non bisogna pensare "solo all'abuso sessuale", ma a "qualsiasi tipo di abuso".

Parlando del corso, il Pontefice lo ha definito "importante per tutti i minori, perché nessuno abusi di loro, nessuno impedisca loro di seguire Gesù". Ricordando le parole di Cristo nel Vangelo: "Lasciate che vengano a me", il Pontefice ha sottolineato che "qualsiasi persona, religioso, religiosa, laico, laica, vescovo, qualsiasi persona che impedisca di raggiungere Gesù a un bambino, deve essere fermata nei suoi atteggiamenti, corretta se siamo in tempo, o punita, se c'è di mezzo un crimine".

Il Ceprome è nato da un accordo di collaborazione nel 2016 tra l'ateneo messicano e il Centro di protezione dell'infanzia con sede a Roma nella Pontificia università Gregoriana. Diretto dal sacerdote e psicologo Daniel Portillo Trevizo, il Ceprome ha in programma di organizzare dal 6 all'8 novembre prossimi il primo congresso latinoamericano sulla prevenzione dell'abuso sui minori.