Papa: dare gioia ai bambini è una cosa molto grande

Red/Nav

Roma, 22 dic. (askanews) - "Questi bambini, questi ragazzi fanno cose meravigliose! Sono contento, sono contento di vedervi fare così! Anche voi cantate bene, molto bene! Siete bravi. E la torta sembra che è buona... Possiamo mangiarla? Sì? Tutti insieme… O aspettiamo? Aspettiamo, è più prudente... Anche a voi, grazie per aver portato i bambini qui. Dare gioia ai bambini è una cosa molto grande". Così ha detto Papa Francesco ai bambini assistiti dal Dispensario Pediatrico "Santa Marta".

Il Santo Padre ha poi aggiunto: "Anche i genitori quando sanno giocare con i bambini fanno una cosa molto grande. Giocare con i bambini, l'espressione dei bambini che sono innocenza, promessa, tante cose buone... Grazie per questo incontro". Il Pontefice ha poi spiegato e dialogato con i piccoli: "E adesso una cosa. Io ho letto in queste tre scatole che hanno portato i Magi, tre parole: Speranza, Amore e... qual era?... [i bambini gridano: Pace!] Ah, non c'era scritto guerra?... [i bambini dicono: No!] Sicuro? [i bambini rispondono: Sì!] Cosa è più bella, la guerra o la pace? [i bambini gridano: La pace!] Sicuro? Non è più bella la guerra? Cosa fa la guerra? Forte, tu! [un bambino dice: Distrugge] Uccide, ammazza... La guerra uccide la vita, uccide i vecchi, i giovani, i bambini, uccide tutto".

"Ma per sconfiggere la guerra c'è bisogno di amore. Come si può vivere senza guerra? Con amore. Tutti insieme! Come si può vivere senza guerra? [tutti: Con amore]. Come? [tutti: Con amore]. Pace, amore… e la terza qual era? [i bambini dicono: Speranza]. Ecco, andare avanti con la speranza. Sempre guardare il futuro, guardare l'orizzonte, con la speranza che venga sempre dal Signore, e anche dal nostro lavoro, un mondo migliore. Diciamo le tre parole: Speranza, Amore, guerra... ah, no! Com'era? [i bambini dicono: Pace!] Ah, scusate. Speranza, Amore e Pace. Un'altra volta, tutti! [i bambini gridano: Speranza, Amore e Pace!]".

Il Papa ha poi detto: "Siete stati bravi. Grazie! Complimenti! Grazie a voi genitori di essere qui e a tutti coloro che hanno aiutato per questa festa. Adesso io devo andare all'Angelus e pregherò per voi, e voi pregate per me. D'accordo? Ciao! Grazie".