Papa e Blinken, faccia a faccia sulla comunione per Biden

·1 minuto per la lettura
A handout image released by Vatican Media shows US Secretary of State Antony Blinken (L) during a meeting Pope Francis during a meeting with Pope Francis, at the Vatican , Vatican City, 28 June 2021. ANSA/ VATICAN MEDIA  +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++ (Photo: VATICAN MEDIAANSA)
A handout image released by Vatican Media shows US Secretary of State Antony Blinken (L) during a meeting Pope Francis during a meeting with Pope Francis, at the Vatican , Vatican City, 28 June 2021. ANSA/ VATICAN MEDIA +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++ (Photo: VATICAN MEDIAANSA)

“L’atmosfera spirituale, l’arte divina, e l’impressionante architettura mi hanno lasciato senza parole. Davvero sbalorditivo”. Il Segretario di Stato americano Antony Blinken affida ad un tweet la sua impressione dopo aver visto la Cappella Sistina, il capolavoro di Michelangelo coevo della scoperta dell’America (venne consacrata solo nove anni prima dell’arrivo di Cristoforo Colombo nelle Indie occidentali). E cosi la Sistina diventa un po’ un simbolo dei rinnovati legami tra Stati Uniti e Vaticano. Si chiude definitivamente la guerra con Trump (e il suo alleato monsignor Carlo Maria Viganò, l’ex Nunzio a Washington ). Usa e Vaticano voltano pagina . Finisce oggi l’ ultima e più moderna delle lotte per le investiture. Come quella medioevale erano in gioco i rapporti tra chiesa e potere politico

Viene archiviato “ lo schiaffo di Anagni”, mollato al Pontefice e al Vaticano dal predecessore di Blinken, Mike Pompeo, nove mesi fa, quando in visita a Roma li attaccò pubblicamente l’accordo con la Cina per la nomina dei vescovi .

I due soli (potere politico imperiale americano e quello papale) sono di nuovo allineati. il Trono non rema più contro l’Altare e questo sarà positivo per la parte finale del Pontificato di Francesco alle prese con i nodi che vengono al pettine nonostante otto anni dall’elezione (dalla pedofilia agli scandali finanziari) ed eviterà che il Vaticano diventi vassallo nei suoi rapporti con Pechino. Certamente servirà ad evitare che la Conferenza episcopale americana si erga come contropotere contro Roma.

Forse non è un caso che due giorni prima dell’arrivo di Blinken, la Usccb ha precisato che il documento che voterà a novembre sulla “coerenza eucaristica” (cioè sui criteri per cui i cattolici possono fare la comunione) non conterrà un divieto per il presidente ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli