Papa Francesco: "Chiedere scusa per le colpe commesse in Canada"

Papa Francesco ha proseguito le scuse per il ruolo della Chiesa cattolica negli abusi sui bambini indigeni che hanno frequentato le cosiddette scuole residenziali canadesi, con un appello a "ricominciare".

Nella sua seconda apparizione in un tour di cinque giorni ha guidato la preghiera presso la Chiesa del Sacro Cuore dei Primi Popoli, la prima parrocchia nazionale per popoli indigeni del Canada.

Così Papa Francesco: "Niente può cancellare la violazione della dignità, i mali subiti e la fiducia tradita. E non dobbiamo mai cancellare la vergogna di noi credenti. Tuttavia, è necessario ricominciare".

Papa Francesco è in “pellegrinaggio di penitenza” e chiede perdono ai sopravvissuti del sistema ecclesiastico mentre gira il Paese. In oltre un secolo, almeno 150.000 bambini indigeni sono stati sottratti alle loro famiglie e costretti a frequentare le scuole dalla chiesa cattolica. Molti hanno testimoniato di abusi fisici e punizioni per aver parlato la loro lingua madre.

Prima di recarsi presso il sito di una delle scuole chiamata Ermineskin, il Papa ha visitato il cimitero, dove ora sono sepolti molti che frequentavano quell'istituto. In tutto oltre 4.000 bambini sono morti nel sistema scolastico residenziale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli