Papa Francesco: "Ci sono No Vax anche tra i cardinali, uno ricoverato"

·2 minuto per la lettura
Pope Francis speaks with journalists on board an Alitalia aircraft enroute from Bratislava's Milan Rastislav Stefanik International airport in Bratislava, Slovakia, back to Rome on September 15, 2021. (Photo by Tiziana FABI / POOL / AFP) (Photo by TIZIANA FABI/POOL/AFP via Getty Images) (Photo: TIZIANA FABI via Getty Images)
Pope Francis speaks with journalists on board an Alitalia aircraft enroute from Bratislava's Milan Rastislav Stefanik International airport in Bratislava, Slovakia, back to Rome on September 15, 2021. (Photo by Tiziana FABI / POOL / AFP) (Photo by TIZIANA FABI/POOL/AFP via Getty Images) (Photo: TIZIANA FABI via Getty Images)

Ci sono No Vax anche in Vaticano. Lo ha affermato Papa Francesco ai giornalisti sul volo di ritorno da Bratislava rispondendo a una domanda sui vaccini. “Anche nel collegio cardinalizio ci sono negazionisti e uno di questi, poveretto, è ricoverato con il virus... ironia della vita”, riferendosi al cardinale Raymond Burke, ricoverato in terapia intensiva.

Come al solito turante i suoi voli aerei, Bergoglio ha affrontato con i giornalisti diversi argomenti, tra cui le unioni gay. “Il matrimonio è solo tra un uomo e una donna: è un sacramento e la Chiesa non ha il potere di cambiare i sacramenti. Ma ci sono leggi che civilmente cercano di aiutare tanta gente di orientamento sessuale diverso: è importante aiutare la gente, ma senza imporre cose che, per loro natura, nella Chiesa non vanno”, ha detto rispondendo ai giornalisti. Il Pontefice ha fatto anche l’esempio della legge francese sui Pacs, “senza però che questo abbia a che vedere con le nozze omosessuali: possono usarli ma il matrimonio come sacramento è uomo-donna”.

Francesco ha spiegato che “se chi è omosessuale vuole condurre una vita in sicurezza, gli Stati hanno la possibilità civilmente di sostenerli, dargli sicurezza sull’eredità, sulla salute. I francesi hanno la legge su questo, non solo per gli omosessuali ma per tutte le persone che vogliono associarsi” senza sposarsi: “ma il matrimonio è matrimonio - ha ribadito il Pontefice - Questo non vuol dire condannare le persone che sono così: per favore, sono fratelli e sorelle nostri, e dobbiamo accompagnarli”.

“Ma il matrimonio come sacramento è un’altra cosa - ha ripetuto - Che ci siano leggi civili che vogliono associare per avere il servizio sanitario o altre cose dedicate a loro, si fanno queste cose, come il Pacs francese”. “A volte si creano confusioni - ha evidenziato Francesco - Dobbiamo rispettare tutti. Il Signore è buono e salverà tutti, questo lo possiamo dire a voce alta. Ma per favore, non fare che la Chiesa rinneghi la sua verità”. “Tante persone di orientamento omosessuale - ha sottolineato Francesco - si accostano al sacramento della confessione, si accostano per chiedere consiglio ai sacerdoti, la Chiesa li aiuta ad andare avanti nella propria vita. Ma il sacramento del matrimonio è tra un uomo e una donna”.

Quanto all’aborto, è “un omicidio”, è come “affittare un sicario per risolvere un problema”, ma sulla comunione ai politici che difendono la possibilità di scelta delle donne “i vescovi devono agire come pastori: nella storia della Chiesa, tutte le volte che i vescovi hanno gestito un problema non come pastori si sono schierati sul versante politico”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli