Papa Francesco in Giappone nel segno del disarmo nucleare

Ska

Città del Vaticano, 18 nov. (askanews) - Sarà l'occasione per affrontare estesamente il problema del disarmo nucleare e della pace nel mondo il viaggio che Papa Francesco compie in Giappone da sabato a martedì prossimi (23-26 novembre), seconda tappa di un viaggio, la sua 32esima trasferta all'estero, che inizia domani con la Thailandia (19-23).

Sorvolando, nel volo di andata, sia la Cina, e in particolare l'isola di Hainan, sia Taiwan e sia Hong Kong, scossa in questi mesi da proteste anti-governative, il Papa, che l'anno scorso ha siglato uno storico accordo sulle nomine episcopali con Hong Kong, invierà tre diversi telegrammi alle rispettive autorità. Il Pontefice argentino, che da giovane avrebbe voluto andare in Giappone da missionario, pronuncerà in tutto 18 discorsi, tutti in spagnolo, ed avrà accanto due traduttori di eccellenza: un gesuita argentino che, quando era provinciale nel suo Paese, inviò missionario in Giappone, e in Thailandia sua cugina, suor Anna Rosa Sivori, che vive lì da decenni. (Segue)