Papa Francesco: "Il vaccino anti Covid sia dato a tutti"

·1 minuto per la lettura

AGI - ll vaccino anticovid sia dato a tutti, "al primo posto" i deboli e i bisognosi. Lo ha chiesto Papa Francesco, rivolgendosi ai governanti, nel messaggio di Natale.

"Non possiamo lasciare che ci chiudiamo nei nazionalismi, nell'individualismo", ha spiegato, che rischia di "renderci indifferenti" sulla base delle "leggi del mercato e dei brevetti che sono poste al di sopra delle leggi dell'amore".

"Cristo ci rende tutti fratelli, non contano le diversità culturali", ha proseguito.

“Grazie a questo Bambino, tutti possiamo chiamarci ed essere realmente fratelli: di ogni continente, di qualsiasi lingua e cultura, con le nostre identità e diversità, eppure tutti fratelli e sorelle”, sono state le sue parole

“In questo momento storico, segnato dalla crisi ecologica e da gravi squilibri economici e sociali, aggravati dalla pandemia del coronavirus, abbiamo più che mai bisogno di fraternità".

"E Dio ce la offre donandoci il suo Figlio Gesù: non una fraternità fatta di belle parole, di ideali astratti, di vaghi sentimenti… No. Una fraternità basata sull'amore reale, capace di incontrare l'altro diverso da me, di con-patire le sue sofferenze, di avvicinarsi e prendersene cura anche se non è della mia famiglia, della mia etnia, della mia religione; è diverso da me ma è mio fratello, è mia sorella. E questo vale anche nei rapporti tra i popoli e le nazioni. Fratelli tutti”, ha detto il Papa.

In queste giornate di coronavirus, ha proseguito, dobbiamo essere "disponibili, generosi e solidali, specialmente verso le persone più fragili, i malati e quanti in questo tempo si sono trovati senza lavoro o sono in gravi difficoltà per le conseguenze economiche della pandemia, come pure le donne che in questi mesi di confinamento hanno subito violenze domestiche".