Papa: "Inutile andare sulla luna se non si è fratelli in terra"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Oltre alla conquista della Luna, c'è "una conquista infinitamente più grande" per la storia dell'umanità. Lo ricorda Francesco all'Angelus. "La Madonna ha poggiato i piedi in paradiso: non ci è andata solo in spirito, ma anche con il corpo, con tutta se stessa. Questo passo della piccola Vergine di Nazaret è stato il grande balzo in avanti dell’umanità. Serve poco andare sulla luna se non viviamo da fratelli sulla Terra", ha detto il Papa.

Nella festa dell'Assunzione di Maria in Cielo, Francesco spiega: "Che una di noi abiti in Cielo col corpo ci dà speranza: capiamo che siamo preziosi, destinati a risorgere. Dio non lascerà svanire il nostro corpo nel nulla. Con Dio nulla andrà perduto". Guardando alla Beata Vergine comprendiamo "il motivo per cui camminiamo", prosegue il Pontefice: "Noi abbiamo davanti agli occhi il motivo per cui camminiamo: non per conquistare le cose di quaggiù, che svaniscono, ma per conquistare la patria di lassù, che è per sempre". Maria, "come insegna il Concilio, brilla come segno di sicura speranza e di consolazione per il Popolo di Dio in cammino".