Papa a L’Aquila: sempre vicino a famiglie vittime sisma

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Città del Vaticano, 28 ago. (askanews) - "In questo momento di incontro con voi, in particolare con i parenti delle vittime del terremoto, voglio esprimere la mia vicinanza alle loro famiglie e all'intera vostra comunità, che con grande dignità ha affrontato le conseguenze di quel tragico evento". Lo ha detto Papa Francesco incontrando, sul sagrato del Duomo a L'Aquila, i familiari delle vittime del sisma che nella notte del 6 aprile 2009 ha sconvolto il capoluogo abruzzese. Francesco ha voluto anzitutto ringraziarli "per la testimonianza di fede: pur nel dolore e nello smarrimento, che appartengono alla nostra fede di pellegrini, avete fissato lo sguardo in Cristo, crocifisso e risorto, che con il suo amore ha riscattato dal non-senso il dolore e la morte e penso ad uno di vio che mi ha scrutto tempo fa che mi ha detto di aver perso il suo figlio adolescente. - ha detto - E Gesù vi ha rimessi tra le braccia del Padre, che non lascia cadere invano nemmeno una lacrima, nemmeno una!, ma tutte le raccoglie nel suo cuore misericordioso".

"Mi congratulo con voi per la cura con cui avete realizzato la Cappella della Memoria. - ha poi aggiunto - La memoria è la forza di un popolo, e quando questa memoria è illuminata dalla fede, quel popolo non rimane prigioniero del passato, ma cammina nel presente rivolto al futuro, sempre rimanendo attaccato alle radici e facendo tesoro delle esperienze passate, buone e cattive. Voi, gente aquilana, avete dimostrato un carattere resiliente. Radicato nella vostra tradizione cristiana e civica, ha consentito di reggere l'urto del sisma e di avviare subito il lavoro coraggioso e paziente di ricostruzione".