Papa: mordersi la lingua, è una buona medicina per chi sparla

Gtu

Roma, 21 set. (askanews) - Papa Francesco, nell'omelia durante la messa ad Albano laziale, ha indicato una "buona medicina", per chi parla male degli altri: "Mordersi la lingua".

Bergoglio, commentando l'episodio dell'incontro di Gesù con Zaccheo ha sottolineato: "Non si guarda mai nessuno dall'alto in basso", perché "l'unico momento in cui è lecito guardare una persona dall'alto in basso è quando si aiuta una persona, perché è caduta".

"Non giudichiamo. Non siamo ispettori delle vite altrui, ma promotori del bene di tutti e - ha aggiunto a braccio - per essere promotori del bene di tutti una cosa che aiuta tanto è avere la lingua ferma, non sparlare degli altri ... A volte incontro persone che mi dicono non ci riesco, mi viene da dire criticare...se vedo... e io a volte suggerisco una buona medicina: a parte la preghiera, la medicina efficace è mordersi la lingua, se viene da criticare, ti si gonfierà in bocca e non potrai parlare".