Papa: non si compra la salvezza aderendo a un'associazione

Ska

Città del Vaticano, 19 dic. (askanews) - La salvezza non si compra, ad esempio andando a messa o appartnendo ad una associazione cattolica, perché la salvezza è "gratis": lo ha detto il Papa nella messa mattutina a Casa Santa Marta.

Francesco si è richiamato a sant'Agostino esortando ad aprire il cuore alla gratuità: "Nessuno di noi merita la salvezza. Nessuno! 'Ma io prego, faccio digiuno...'. Sì, questo ti farà bene, ma se non c'è questa gratuità all'inizio di tutto quello, non c'è possibilità", ha detto il Pontefice a quanto riportato da Vatican News. "Siamo sterili. Tutti. Sterili per la vita della grazia, sterili per andare al cielo, sterili per concepire la santità. Soltanto, la gratuità. E per questo noi non possiamo vantarci di essere giusti. 'Padre, io sono cattolico, io sono cattolica, vado a Messa la domenica, appartengo a questa associazione, a questa, a questa, a questa...', 'E dimmi: tu stai comprando la tua salvezza così? Tu credi che questo ti salverà?'. Ti aiuterà a salvarti soltanto se tu credi nella gratuità del dono di Dio. Tutto è grazia".

E "quando io vado a confessarmi, cosa faccio?", ha proseguito Francesco. "Dico i peccati come un pappagallo o li dico perché sento che ho rischiato il dono della gratuità per aver qualcosa di mio? Custodire la gratuità e pensare a Sansone: eletto, buono, che verso la fine della sua vita ha avuto una scivolata, poi si è ripreso. Ma noi possiamo, noi possiamo scivolare e crederci redentori di noi stessi. Il peccato è questo. Il peccato è la voglia di redimere noi stessi. In questi giorni prima del Natale lodiamo il Signore per la gratuità della salvezza, per la gratuità della vita, per tutto quello che ci dà gratis. Tutto è grazia".