Papa ricoverato al Gemelli, la notte trascorsa senza problemi

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Città del Vaticano, 5 lug. (askanews) - No news good news, come si dice in inglese, nessuna notizia buona notizia: l'assenza di aggiornamenti ufficiali sulle condizioni di salute di papa Francesco, ricoverato ieri pomeriggio al Policlinico Gemelli e sottoposto in serata all'operazione chirurgica per stenosi diverticolare del sigma al colon, è l'indiretta conferma che la notte è trascorsa senza problemi.

Francesco, aveva informato poco prima della mezzanotte di ieri il portavoce vaticano Matteo Bruni, "ha reagito bene all'intervento condotto in anestesia generale".

Gli esperti sono concordi nel sottolineare che l'operazione non presenta particolari difficoltà, ma per un uomo di 84 anni un intervento chirurgico non è mai una passeggiata, tanto più in anestesia generale, né è facile fare previsioni sul decorso postoperatorio.

Motivo per il quale, pur senza allarmismi, in Vaticano non si trova conferma all'ipotesi, circolata nelle scorse ore in ambito sanitario, che Francesco rimarrà "cinque giorni" al Gemelli. Potrebbero essere di più o di meno a seconda dell'andamento del quadro complessivo.

La scelta della data per l'operazione, ad ogni modo, sembra non essere casuale: proprio a partire da questa settimana, di fatto, iniziano le "vacanze" del papa argentino, che, come ogni anno, nel mese di luglio sospende le udienza generali del mercoledì e gli altri appuntamenti pubblici (salvo l'Angelus domenicale), dedicandosi, solitamente, alla lettura, alla musica, alla preghiera e agli incontri personali: e, quest'anno, anche alla convalescenza.

Di certo Jorge Mario Bergoglio potrà, a termine, riprendere in pieno le sue attività. E altrettanto certamente dietro la parsimonia vaticana di informazioni circa il ricovero c'è la volontà, direttamente ascrivibile al papa, di non spettacolarizzare la salute del pontefice. Il che prevedibilmente non impedirà il Palazzo apostolico da un aggiornamento quotidiano, per quanto stringato, sulla convalescenza papale.

Era stato lo stesso Francesco, del resto, a dare - lo si è capito dopo - un messaggio rassicurante ai fedeli, quando, senza minimamente fare riferimento all'imminente ricovero né chiedere preghiere, come ad esempio Giovanni Paolo II aveva fatto, all'Angelus domenicale ha invece annunciato il suo prossimo viaggio in Slovacchia e a Budapest, dal 12 al 15 settembre prossimi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli