Papa: sguardo di Dio è l'opposto di logica dello storytelling

Ska

Città del Vaticano, 24 gen. (askanews) - "Nessuno è una comparsa nella scena del mondo e la storia di ognuno è aperta a un possibile cambiamento". Lo scrive il Papa nell'annuale messaggio per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali (24 maggio) pubblicato oggi, giorno del patrono dei giornalisti, san Francesco di Sales.

"Anche quando raccontiamo il male, possiamo imparare a lasciare lo spazio alla redenzione, possiamo riconoscere in mezzo al male anche il dinamismo del bene e dargli spazio. Non si tratta perciò di inseguire le logiche dello storytelling, né di fare o farsi pubblicità, ma di fare memoria di ciò che siamo agli occhi di Dio, di testimoniare ciò che lo Spirito scrive nei cuori, di rivelare a ciascuno che la sua storia contiene meraviglie stupende". (Segue)