Papa verso Giappone: distruzione nucleare non si scateni di nuovo

Ska

Città del Vaticano, 18 nov. (askanews) - Il Papa auspica che "il potere distruttivo delle armi nucleari non si scateni mai più nella storia umana" in un video-messaggio al popolo del Giappone, in occasione del suo imminente viaggio nel paese dal 23 al 26 novembre, dove dedicherà una giornata a visitare Nagasaki e Hiroshima, le città distrutte dalla bomba atomica statunitense.

"Il tema scelto per la mia visita è 'Proteggere tutta la vita'", afferma Francesco. "Questo forte istinto, che risuona nel nostro cuore, per difendere il valore e la dignità di ogni persona umana, assume una importanza particolare di fronte alle minacce alla coesistenza pacifica che il mondo deve affrontare oggi, specialmente nei conflitti armati. Il vostro paese è ben consapevole delle sofferenze causate dalla guerra. Insieme a voi, prego che il potere distruttivo delle armi nucleari non si scateni mai più nella storia umana. L'uso delle armi nucleari è immorale".

Il Papa prosegue il videomessaggio sttolineando l'importanza della "cultura del dialogo, della fraternità tra le diverse tradizioni religiose, che possono aiutare a superare le divisioni, promuovere l'integrazione tra le diverse tradizioni religiose e il rispetto della dignità umana e il progresso nello sviluppo integrale di tutti i popoli. Confido che la mia visita possa incoraggiarvi sulla via del rispetto reciproco e dell'incontro che porta a una pace sicura e che dura nel tempo e non torna indietro. La pace ha questo di bello, che quando è reale, non torna indietro: la si difende con i denti".

"Avrò anche l'opportunità - afferma ancora Jorge Mario Bergoglo - di apprezzare la grande bellezza naturale che caratterizza la vostra nazione ed esprimere il desiderio comune di promuovere, rafforzare la protezione di quella vita che comprende la terra, la nostra casa comune e che la vostra cultura simboleggia in modo tanto bello con i fiori di ciliegio". Prima della tappa giapponese, il Papa visiterà, da domani, 19 novembre, al 23, giorno in cui giungerà in Giappone, la Thailandia.