Papa: i vescovi devono difendere il popolo di Dio dai lupi -2-

Ska

Città del Vaticano, 4 dic. (askanews) - Il Papa si è soffermato, durante la catechesi, sul congedo di San Paolo da Efeso, ed ha più volte raccomandato ai fedeli presenti in piazza San Pietro di andare a rileggere, una volta tornati a casa, "una delle pagine più belle del libro degli Atti degli apostoli" il capitolo 20, a partire dal versetto 17, un vero "gioiello": San Paolo "incoraggia i responsabili della comunità, che sa di vedere per l'ultima volta: "Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge". E questo - ha spiegato - è il lavoro del pastore, fare la veglia, vegliare, su se stessi e sul gregge, il pastore deve vegliare il parroco deve vegliare, i presbiteri devono vegliare, i vescovi, il Papa devono vegliare, fare la veglia per custodire il gregge, e anche fare la veglia su se stessi, esaminare la coscienza e vedere come si compie questo dovere di vegliare. In mezzo al gregge "lo Spirito Santo vi ha costituiti come custodi per essere pastori della Chiesa di Dio, che si è acquistata con il sangue del proprio Figlio": agli episcopi è chiesta la massima prossimità con il gregge, riscattato dal sangue prezioso di Cristo, e la prontezza nel difenderlo dai "lupi". I vescovi devono essere vicinissimi al popolo per custodirlo, difenderlo, non staccati dal popolo".