"Papà, voglio fare la pornostar": la decisione della figlia di Steven Spielberg

Steven Spielberg insieme alla figlia Mikaela (AP Photo/Chris Carlson)


Intervistata dal tabloid britannico The Sun, la figlia adottiva di Steven Spielberg e Kate Capshaw, la 23enne Mikaela, ha svelato di volersi dedicare al porno. Il sogno della giovane, in particolare, è di diventare un'attrice a luci rosse.

"Mi sono davvero stancata di non riuscire a capitalizzare il mio corpo e, onestamente, mi son stancata di sentirmi dire di odiare il mio corpo. Mi sono anche stancata di lavorare ogni giorno senza soddisfare la mia anima. Ho voglia di fare questo tipo di lavoro, posso 'soddisfare' altre persone, ma mi sento bene perché questo non mi fa sentire violata", ha confessato Mikaela al tabloid, spiegando che anche mamma e papà supportano la sua decisione. "La mia sicurezza è sempre stata la priorità numero uno per loro. In realtà penso che una volta che vedranno quanto sono arrivata lontano dal fondo in cui mi trovavo un anno e mezzo fa, guarderanno questo e diranno: Wow, la signorina è cresciuta ed è davvero sicura di se stessa!".

VIDEO - “Dino park”, il Jurassic park portoghese è aperto

Il lavoro le servirebbe anche a non essere più dipendente dai fondi di papà Steven: “Non posso rimanere dipendente dai miei genitori o anche dallo stato, non che ci sia qualcosa di sbagliato in questo, semplicemente non mi sento a mio agio con me stessa”.

Mikaela si è portata avanti e ha già scelto il suo nome d'arte: sarà "Sugar Star" e la si potrà ritrovare nella categoria del soft porn (niente sesso davanti alle telecamere per rispetto del fidanzato Chuck Pankow, ha detto la giovane). Mikaela in passato ha sofferto di anoressia, di disturbo della personalità borderline e di alcolismo. È la seconda figlia adottiva dei coniugi Spielberg, che hanno anche tre figli biologici.