Papadopoulos: "L'Italia farebbe bene a cooperare con Barr"

webinfo@adnkronos.com

"Ritengo che sia il presidente Trump sia il procuratore Barr siano nel giusto. Questa è un'indagine autorizzata sulle origini dell'operazione di spionaggio contro la campagna elettorale a carico di governi stranieri. L'Italia in particolare farebbe bene a cooperare in tal senso". Lo dice in un'intervista a 'La Verità' George Papadopoulos, ex membro della campagna elettorale di Donald Trump, che, a proposito delle visite di Barr a Roma nelle settimane scorse, afferma: "Sono a conoscenza degli ultimi sviluppi, non fosse altro che sono al centro di questo grosso scandalo. La Cia e l'Fbi hanno usato persone come John Mifsud per spiare il mio lavoro sull'energia e tentare di sabotare la campagna presidenziale, danneggiando ogni prospettiva di relazione internazionale tra Stati Uniti e Russia". 

Renzi: "Io in complotto anti-Trump? Stavolta querelo"  

"Io non ho mai incontrato nessuno della delegazione americana" ha detto il premier Giuseppe Conte, precisando di non poter rispondere ai giornalisti "prima di aver parlato davanti al Copasir". "Non c'è nessuna anomalia, è tutto trasparente secondo le ordinarie prassi. Non ho commesso nessuna anomalia, anzi i vertici dell'intelligence non hanno commesso alcuna scorrettezza o anomalia. Se poi volete speculare - ha aggiunto rivolto ai cronisti - speculate, ma lo state facendo scorrettamente''.  

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE 

"Rimpatri entro 4 mesi", decreto Di Maio sui migranti  

"Raggi calamità", Salvini in Campidoglio  

M5S, online la 'Carta' degli scettici