Pappalardo: "Con Draghi si sperava in cambio, invece c'è ancora Speranza"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Con l'arrivo di Draghi a Palazzo Chigi gli italiani speravano in un cambio di tendenza, ad un allontanamento della commissione sanitaria. E invece il commissario Arcuri e il ministro Speranza sono rimasti al loro posto. Non solo, è stato in sostanza prorogato il lockdown tra regioni e sono stati vietati gli spostamenti. La gente non ne può più e le manifestazioni imponenti a Genova e Milano ne sono la dimostrazione lampante". Così all'Adnkronos il Generale Antonio Pappalardo, leader dei Gilet Arancioni, commenta la manifestazione di ieri a Genova contro il lockdown".

"Il cambiamento non c'è stato - aggiunge - Mi chiamano da tutta Italia per partecipare a proteste e lo farò con molto piacere. Sui vaccini il generale Pappalardo dice che "la colpa non è delle mutazioni del Covid. Come tutte le influenze mutano, lo fa anche questo virus. Il vaccino non solo non è efficace, ma può avere degli effetti collaterali devastanti", conclude.