Paquetà: 'Al Milan mi ero messo troppa pressione. Leonardo mentore, quando è andato via mi sono sentito solo'

·2 minuto per la lettura

Lucas Paquetà torna a parlare del Milan. Il centrocampista del Lione ha concesso una lunga intervista a L'Equipe, nella quale ha raccontato anche alcuni aneddoti sull'esperienza in rossonero: "Se segno tanti gol qui è per la pressione di Rudi Garcia? No, non è una pressione dell'allenatore.. Neanche in generale. Sapete, a Milano mi ero messo molta pressione addosso. Troppa anche. Quindi, arrivando qui a Lione, mi sono detto che non me ne dovevo metto. Che avrei dato semplicemente il meglio di me. E se i gol arrivano, tanto meglio. Ad oggi ci sono, va bene".

ETICHETTA DI CRACK - "Pressione legata a quello? No, conoscevo la mia responsabilità, sapevo perché ero là. Poi le cose non vanno sempre come dovrebbero. Ci si immagina delle cose, ci si mette pressione addosso... E' inspiegabile, a volte non c'è neanche un motivo per un fallimento. Anche se la mia esperienza a Milano non è stata straordinaria, inferiore a quello che ci si aspettava, mi è servita molto. Perché ora sono un giocatore migliore. Sono un Paquetà diverso, un Paquetà, più forte, un Paqeutà che ha ritrovato l'essenza di quello che era al Flamengo. La pressione c'è ancora e ci sarà sempre, ma non arriva più da me stesso".

JUNINHO - "Sarei venuto al Lione senza di lui? No. E' stato subito sincero con me quando mi ha chiamato: sapeva il periodo che avevo attraversato a Milano, ma soprattutto mi conosceva prima del Milan. Sapeva esattamente chi ero. Sapeva che potevo tornare il giocatore che ero al Flamengo, un guerriero che si batte per la squadra. Oggi, quando gioco, voglio ricompensare Juninho della fiducia che mi ha dato".

FLASHBACK - "Se sapevo che il Lione mi voleva anche nel 2017? Sì lo so (sorride, ndr). Il mio agente me ne ha parlato. Sono stato felice di sapere che già nel 2017 mi avevano cercato. Ma c'erano discussioni già avanzate con altri club... Ero anche troppo caro? Sì, forse! (ride, ndr)".

LEONARDO - "Se ho bisogno di un mentore? Non lo so. A Milano, sono arrivato in un nuovo Paese, in un nuovo continente, era una lingua diversa. Leonardo mi ha aiutato molto, mi ha accompagnato. In una mezza stagione con lui, le cose sono andate bene per me. Possiamo dire che era il mio mentore, sì. Ma poi è andato a Parigi. In quel momento mi sono sentito un po' solo, non ancora adattato perfettamente alla cultura e al club. Ma quell'esperienza mi ha aiutato: sono cresciuto molto come giocatore e come uomo. Qui, a Lione, è vero che Juninho mi trasmette fiducia e voi vedete un Paquetà pronto, adattato ai compagni di squadra, identificato nel club. Ma lo devo anche al Milan e a Leonardo, che voglio ringraziare. Mi ha aiutato e grazie a lui sono diventato uno capace di affrontare le difficoltà".