Paragone tra l'estate del 2003 e quella di quest'anno

estate 2003 vs 2022
estate 2003 vs 2022

Quella di quest’anno è sicuramente un’estate anomala che ha fatto registrare picchi di caldo da record, ricordando a molti la torrida stagione del 2003.

Estate del 2003 vs 2022: qual è la più calda

L’estate del 2022 potrebbe essere addirittura più calda della famosa e torrida estate del 2003, ricordata come la peggiore di sempre in Italia e non solo. Nel nostro Paese si registrano temperature eccezionali dal mese di maggio, che probabilmente persisteranno anche ad agosto. Inoltre, l’ondata di caldo sta riguardando gran parte dell’Europa occidentale, con temperature che non si vedevano da molti anni a latitudini anche elevate.

Alcuni osservatori ed esperti hanno ricordato la famosa estate del 2003, in cui le temperature sono arrivate anche a 4 gradi sopra la media del periodo. Quella di 19 anni fa fu la peggiore per diverse nazioni d’Europa: si stima abbia causato la morte indiretta di almeno 18mila persone solo in Francia e in Italia.

I prospetti per il caldo nel mese di agosto

Ci sono alcune analogie tra l’estate del 2022 e quella del 2003 che potrebbero rendere questa stagione come la più rovente di sempre. 19 anni fa si toccarono temperature da record, soprattutto per il Centro-Nord: i +41.1°C a Firenze, +40.7°C a Trento, +40.4°C a Milano centro, +40.2°C a Grosseto, +39.2°C a Brescia, +39.5 a Bologna, +39.7°C a Sondrio.

Manca ancora il mese di agosto per saperlo, ma alcuni record, o anomalie marcate, insieme alle proiezioni per il prossimo mese, fanno pensare che questa estate del 2022 batterà quella del 2003.

Cosa cambia tra questa estate e quella del 2003

«Nel 2003 maggio fu molto caldo, giugno fu da record, a cui seguirono un luglio normale e un agosto da record. L’andamento fin ora è simile, in attesa dei dati di agosto, ma le proiezioni dicono che agosto 2022 potrebbe essere straordinariamente caldo. […] Nel 2022 sta piovendo molto meno rispetto al 2003. Ci furono diversi temporali al Nord, molti di più rispetto a ora e l’accoppiata attuale caldo-siccità non è minimamente paragonabile».

Queste le parole dell’esperto di 3bMeteo, Andrea Colombo, che ha marcato le differenze tra le due torride stagioni. La differenza principale, infatti, sta proprio nella quantità di pioggia caduta e nella situazione di siccità in cui versa la Terra in questo momento storico. Questi due fattori potrebbero influenzare fortemente le ultime settimane d’estate, e rendere quella del 2022 la più calda di sempre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli