Paralimpiadi: l'appello dell'atleta afghana, 'portatemi a Tokyo a realizzare il mio sogno'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 ago. – (Adnkronos) – "Non lasciate che i talebani mi tolgano i diritti fondamentali". A lanciare il suo appello al mondo è Zakia Khudadadi, l'atleta paralimpica afghana che non può partire per Tokyo dopo la caduta di Kabul in mano alle milizie islamiche. "Ho ancora fiducia, vi prego: aiutatemi a partecipare. È il mio sogno, ho lottato 5 anni per arrivare dove sono", le parole della lottatrice di taekwondo, riportate dal capo della delegazione del comitato paralimpico afghano, Arian Sadiqi.

Sadiqi prosegue: “Questa sarebbe stata la prima Paralimpiade con un’atleta afghana di taekwondo come partecipante. Zakia Khudadadi stava per fare la storia, era felice di competere ai Giochi, proprio come l’atleta Hossain Rasouli. È davvero sconcertante quello che sta succedendo: sarebbe stato un grande risultato per l’Afghanistan e Zakia sarebbe stata un modello per tutte le donne del Paese. Vent’anni fa, nel periodo del potere talebano, non si poteva partecipare alle gare, soprattutto le donne. Adesso è tutto imprevedibile. Posso solo pensare che succederà la stessa cosa in futuro. Sarà difficile soprattutto per le minoranze: c’erano stati molti progressi, adesso si tornerà indietro. Le persone saranno spaventate, avranno paura di farsi vedere, di partecipare. Zakia è terrorizzata dall'uscire di casa. Il nostro appello è a qualunque Paese sia in grado di aiutare i nostri due atleti e gli allenatori ad arrivare a Tokyo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli