Pare che a colpirlo sia stato il marito di una donna appena vaccinata da un infermiere maschio

·1 minuto per la lettura
Il momento dello schiaffo a Jorram
Il momento dello schiaffo a Jorram

Violenza e siparietto in sede istituzionale in Iran, dove il neo insediato governatore Abedin Jorram è stato preso a schiaffi da uno sconosciuto durante il discorso di insediamento. Il motivo? Non è chiarissimo, ma molti media stranieri sostengono che a colpire il politico sia stato il marito di una donna vaccinata da un infermiere maschio, cosa inaccettabile per le rigide regole dell’Islam ortodosso.

Iran, governatore preso a schiaffi sul palco: Abedin Jorram “parte malissimo”

Ad ogni modo di quell’insediamento Jorram, chiamato a guidare amministrativamente la turbolenta provincia iraniana dell’Azerbaijan Orientale, se ne ricorderà un bel po’, anche a contare i suoi pregressi militari: la vittima della violenza è infatti un ex generale della Guardia rivoluzionaria iraniana, non esattamente un colletto bianco di primo pelo insomma.

Marito furente in Iran e neo governatore dell’Azerbaijan preso a schiaffi

La versione del coniuge turbato ed offesissimo in punto di religione dalla violazione di una norma islamica l’ha riportata il quotidiano britannico “The Guardian”, a cui si sono accodati a seguire Sky News e Cbs e gli altri media mondiali.

Perché il governatore Jorram è stato preso a schiaffi in una provincia dell’Iran

L’aggressore si sarebbe scatenato ed avrebbe fatto irruzione sul palco tenuto da Jorram subito dopo la vaccinazione della moglie e perché alla stessa il vaccino contro il Covid sarebbe stato somministrato da un infermiere e non da un’infermiera. Delle sorti giudiziarie e personali dell’uomo per ora non si sa nulla. In Iran non è molto salutare picchiare esponenti del governo, delle amministrazioni o del clero.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli