Pari opportunità: Bracco, 'Paesi investano sul potenziale femminile' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Con la concretezza che ci contraddistingue, come Fondazione Bracco abbiamo messo a punto il Manifesto ‘Mind the Stem Gap’, che ha l’obiettivo di favorire l’accesso delle ragazze alle discipline Stem, le cui competenze sono sempre più richieste dal mondo del lavoro. La partecipazione femminile al mondo della scienza e delle professioni tecnologiche è infatti ancora molto bassa: nel mondo solo il 31% opera nel settore dell’intelligenza artificiale e appena il 14% in quello del cloud computing", ha continuato Bracco. "'Mind the Stem Gap' parla a tutte le persone che, a vario titolo, fanno parte della comunità educante che circonda bambine e bambini, ragazzi e ragazze e influenza la loro vita".

All’incontro, aperto da Emma Marcegaglia, presidente del B20, hanno partecipato, oltre a Diana Bracco, Maria Cristina Messa, ministro per l’Università e la Ricerca, Fabiola Gianotti, direttrice generale del Cern, Roberta Cocco, assessora alla Trasformazione digitale e ai servizi civici del Comune di Milano, Gaela Bernini, segretaria generale della Fondazione Bracco, e Michele Crisostomo, presidente di Enel e co-chair della task force Integrity & Compliance B20.

Intervenendo in video, Gianotti ha ricordato che le Stem sono al centro della trasformazione della società e del pianeta. Per garantire uno sviluppo armonico della società e garantire all’interno settore della Ricerca prospettive diversificate e inclusive, il numero di ricercatrici e tecnologhe "deve aumentare così come quello delle altre categorie sotto rappresentate". Gianotti ha inoltre segnalato che la cancellazione della cosiddetta Stem disparity farebbe crescere il Pil europeo fra i 600 e gli 800 miliardi entro il 2050, stando alle proiezioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli