Parigi & Disneyland: un viaggio onirico che dovrebbe durare almeno 4 giorni

Matteo Morichini

Nel settore viaggi da sogno la strana coppia Parigi - Disneyland è uno straordinario caso di studio con attrattive uniche al mondo e decadi di numeri record. A partire dai quasi 350 milioni d’ingressi venduti sin dal 1992 dal parco Disney a Marne-la-Vallèe fino ai 19.5 milioni di turisti registrati dalla capitale francese nel 2019. Il big data tra le due destinazioni eleva le presenze complessive ad un numero annuale superiore ai 30 milioni; e dunque equivalente a più di un terzo del turismo in Francia. Reparto dove il lato corporate del magico universo di Topolino&Co, contribuisce da solo per il 6,2 percento. Altrettanto rilevante è il gettito economico nel tempo (più di 70 miliardi in 27 anni) di una mega operazione senza frontiere ad affiancare la metropoli più romantica e idealizzata in terra. 

 

 

Parigi

Metropoli che in mezz’ora di treno o poco più, permette di passare dalle Ninfee di Monet al volo notturno sul galeone di Peter Pan; dalla Tour Eiffel alle fiabe illustrare del castello gotico-fiabesco simbolo di Disneyland; dalla grandeure gastronomica dei templi stellati parigini alla cucina creola di Captain Jack immersa nelle perfette scenografie di Pirates of the Caribbean. Un osmosi sui generis da cui entrambe le destinazioni traggono enormi benefici e cifre turistiche da primato; distribuite tra la moltitudine di espressioni artistiche e culturali degli Arrondissement,  e dalle gite nelle invenzioni di Walt Disney. 

Tutti motivi per dedicare almeno quattro giorni - magari traendo ispirazione dai luoghi di questo articolo - all’onirico stacco dall’ordinario suggerito dalle atmosfere di Parigi & Disneyland.  Mete d’inamovibile attualità in cui l’atipico e originale equilibrio tra finzione e reale è spesso accompagnato da una metodica ricerca dell’eccellenza. Altro punto di contatto è la presenza nell’immaginario globale di luoghi e storie dai Campi Elisi ad Alice nel Paese delle Meraviglie; dalla Montmartre di Toulouse – Lautrec (al...

Continua a leggere su HuffPost