Parigi e Madrid attaccano. Bruxelles ringrazia Roma

Angela Mauro

"Sull'immigrazione illegale dobbiamo rispondere in modo unitario. Questo tema ha il potenziale di danneggiare l'Europa", è importante contrastare "l'immigrazione illegale e proteggere le frontiere esterne". Parola di Angela Merkel, dopo un colloquio con il cancelliere austriaco Sebastian Kurz. Nessun diktat per Matteo Salvini. L'Europa, di solito mai parca di anatemi, si mostra invece dimessa e con i guanti bianchi verso il ministro dell'Interno italiano che ha bloccato i porti alle navi delle ong che trasportano i migranti. L'Europa sta male, è debole, mai così prima d'ora. E quello di Merkel è un grido di allarme, non il primo, rischia di essere uno degli ultimi.

"Salvini sarà nostro partner, non vedo l'ora di incontrarlo", dice il commissario europeo all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos. "L'Italia è stata lasciata per troppo tempo da sola, si tratta di un problema collettivo", dice il vicepresidente della Commissione Europea Frans Timmermans. Mentre nel Mediterraneo al largo della Libia si consuma l'ultimo capitolo dell'odissea dell'Aquarius, impegnata ormai a trasferire una buona parte dei suoi 629 migranti su navi militari italiane per il viaggio verso Valencia, mentre si scatena la guerra verbale tra Parigi e Roma e anche tra Madrid e Roma, le istituzioni europee ci vanno caute. Costrette a farsi piacere Salvini. Mentre tutto intorno l'Unione cade in pezzi.

Nel giro di una settimana, il ministro degli Interni riesce ad aprire casi diplomatici con ben quattro Stati. Ha iniziato dalla Tunisia ("Esportano galeotti"), poi Malta, che vieta i suoi porti alle navi cariche di migranti. Poi la Francia, che non accoglie. E oggi proprio da Parigi parte la risposta più acuminata. La posizione dell'Italia sui migranti è "vomitevole", dice il portavoce del partito di Macron, 'En Marche', Gabriel Attal. E il premier Edouard Philippe: "L'Italia ha scelto di non rispettare i suoi obblighi internazionali". A rischio l'incontro Conte-Macron ma da Chigi...

Continua a leggere su HuffPost