Parigi rischia di perdere la sua celebre libreria Lgbt del Marais

Ihr

Roma, 18 gen. (askanews) - "Patrimonio culturale in pericolo" Abbiamo bisogno del tuo aiuto!", avverte la prima libreria LGBT in Francia a lettere cubitali rosse "Les Mots à la bouche". Costretta a trasferirsi il 31 marzo 2020, il suo libraio non riesce a decidere di lasciare il suo storico quartiere parigino, il Marais, che sta vivendo un'esplosione dei prezzi degli affitti.

Il negozio in rue Sainte-Croix de la Bretonnerie, riconoscibile dalla sua finestra blu, ha annunciato che il contratto di affitto non sarebbe stato rinnovato dopo più di 36 anni. Il proprietario "vuole allinearsi ai prezzi del quartiere, il che equivale a moltiplicare l'affitto per tre o quattro", spiega Nicolas Wanstok, libraio da tredici anni.

Fondato nei primi anni '80 da Jean-Pierre Meyer-Guiton, attivista del gruppo di liberazione omosessuale (GLH), "Les Mots à la bouche" è stato uno dei fondatori del "Marais Gay", contribuendo a far emergere l'identità di questo quartiere parigino. (Segue)