Parigi ristruttura il Beaubourg, riaprirà nel 2027

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 gen. (askanews) - Mentre i musei attendono, in Francia come in gran parte del mondo, di riaprire nonostante la pandemia di coronavirus, da Parigi arriva la notizia che il celebre Beaubourg, il Centre Pompidou, realizzato negli anni Settanta da Renzo Piano, ha bisogno di seri lavori di ristrutturazione. Nel 2023 chiuderà per tre anni, per riaprire solo nel 2027.

La notizia è stata annunciata ieri da Serge Lasvignes, presidente del Centre Pompidou, ai sindacati. Dalla fine del 2023, il Beaubourg chiuderà semplicemente i battenti, con una riapertura prevista per il 2027, per iniziare un lavoro molto pesante. "Non abbiamo più scelta, l'edificio è in cattive condizioni, è invecchiato male", ha assicurato il presidente del Centro ai sindacati, divisi tra preoccupazione e rassegnazione.

Già nel 2016 la commissione ministeriale per gli immobili aveva allertato le autorità pubbliche sull'invecchiamento del monumento di Renzo Piano e Richard Rogers, immaginato e poi realizzato negli anni 70. Il tempo è passato, le caratteristiche "pipe" si sono ulteriormente deteriorate e c'è bisogno di un profondo lavoro di ristrutturazione e consolidamento..