Parigi, in sette a processo: si fingevano ministro per truffare

Bea

Roma, 4 feb. (askanews) - E' iniziato a Parigi il processo a sette presunti truffatori accusati di essersi finti un ministro della repubblica francese per estorcere con l'inganno alle loro vittime oltre 50 milioni euro. I falsi Jean-Yves Le Drian, oggi ministro degli Esteri, contattaveno telefonicamente o via Skype le loro vittime chiedendo fondi per una "missione segreta". Gli ideatori della truffa sono due franco-israeliani, Gilbert Chikli, 54 anni, e Anthony Lasarevitsch, 35. Tra i truffati l'Aga Khan e il magnate turco Inan Kirac.

Al tempo Le Drian era ministro della Difesa, non particolarmente noto a livello internazionale, un fatto che facilitava l'opera degli imbroglioni, che chiedevano denaro per la liberazione di ostaggi o operazioni anti-terrorismo. Negli incontri su Skype, uno dei truffatori indossava una maschera di Le Drian su misura e sedeva in una replica dell'ufficio del ministro, completa di bandiere e di ritratto dell'allora presidente François Hollande.(Segue)