A Parigi tornano i turisti ma la città è tutto un cantiere

featured 1618852
featured 1618852

Roma, 14 giu. (askanews) – Recinzioni, cartelloni, transenne, altissime gru; difficile di questi tempi fare il turista a Parigi anche se la capitale della Francia dopo due anni di pandemia è finalmente tornata a riempirsi di visistatori, desiderosi di scattare foto e visitare monumenti.

Selfie rovinati dalle impalcature, per uno scatto degno con dietro la Torre Eiffel bisogna arrampicarsi ai lati di un’aiuola.

“È un peccato che questa zona sia in costruzione perché è anche la zona più emblematica di Parigi… Vogliamo fare foto qui alla Torre Eiffel. E penso sia pericoloso dover salire sul muro, perché potremmo cadere e rovinare il viaggio” dice una turista spagnola.

“Finalmente dopo il Covid arriviamo qui e qui è da dove inizio il mio tour. Salgo, guardo gli skateboarder e scatto una foto da qui e so di essere a Parigi. Non so se sia una costruzione temporanea o altro, ma mi dà fastidio”, spiega una turista israeliana.

Stesso discorso davanti a Notre-Dame o al Grand Palais. “Siamo stati alla Torre Eiffel e le nostre foto sono state un po’ rovinate a causa dei lavori in corso, ma niente di così grave come qui a Notre Dame” ammette un americano.

E al restauro e alla manutenzione dei monumenti si aggiungono altri cantieri: quelli delle Olimpiadi che Parigi ospiterà nel 2024.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli