Lo smacco di Parisa al regime di Teheran, è la prima donna in Iran a fotografare una partita di calcio

Francesco Caremani

Il teatro dei sogni. Per Parisa Pourtaherian è uno stadio di calcio dove si disputa una partita fra uomini. Fotografa per l'agenzia di stampa iraniana Photoaman, è diventata la prima donna a fotografare un match di football maschile in Iran. Il fatto è accaduto lo scorso luglio, ma la notizia dopo essere diventata virale in patria sta facendo adesso il giro del mondo. Per la precisione il 27 luglio, durante Nassaji Mazandaran-Zob Ahan, da una parte una delle squadre storiche del Paese, della città di Ghaemshahr, dall'altra quella di una delle destinazioni turistiche più famose, Esfahan; sfida terminata 0-1 per gli ospiti con rete di Eddie Hernandez al quindicesimo del primo tempo.

In Iran, alle donne, è vietato entrare negli stadi dove ci sono partite di calcio maschile: "Per la pallavolo, la pallacanestro e l'atletica leggera le restrizioni sono minori – ha dichiarato Parisa – e ci è permesso di entrare negli impianti, ma il football è ancora tabù". Ricordandosi di avere visto fotografie dove i tifosi salivano sui tetti per seguire i match dello stadio Vatani, si è recata in città tre ore prima dell'inizio della sfida cercando un tetto che potesse ospitarla e provando, soprattutto, di convincere i proprietari delle case a farla entrare. Dopo tanti "No" uno le ha dato il permesso di salire e anche se il primo tempo era terminato e se un albero ostacolava in parte la visuale Parisa Pourtaherian è riuscita a fare il suo shooting, diventando la prima donna iraniana a fotografare una partita di calcio maschile iraniano.

Sarebbe rimasto un gesto anonimo se i colleghi maschi dentro lo stadio non l'avessero vista e avessero iniziato a fotografarla a loro volta, immagini che hanno fatto il giro del Paese. Il tema dei diritti di genere in Iran è all'ordine del giorno, se non per i governanti sicuramente per la popolazione, e molte donne sono state arrestate o mandate via dagli stadi di calcio, quando scoperte travestite da uomo. Nel 2006 il regista...

Continua a leggere su HuffPost