Parla Abascal, leader di Vox: “Con Giorgia Meloni sintonia profonda”

vox abascal

Parla l’uomo del momento, Santiago Abascal, leader del partito Vox affermatosi come terza forza politica alle elezioni dello scorso 11 novembre in Spagna. A Libero si concede con un’intervista dove parla del suo rapporto con Giorgia Meloni, elogiando la leader di Fratelli d’Italia: “E’ forte e determinata, sintonia profonda su tutti i temi”.

Abascal e Meloni, grande sintonia

Nel periodo d’elezioni che sta attraversando un po’ tutti i Paesi, in Spagna, Vox, si è affermato come terza forza politica lo scorso 11 novembre. Scavalcato Podemos e il centrodestra liberale di Cuidadanos, Santiago Abascal, leader del movimento, è diventato l’uomo del momento. Ma in Italia conosciamo già il volto dello spagnolo, in particolare per la similitudine di idee politiche e sociali con la destra nostrana. Intervistato da Libero, Abascal si è quindi soffermato a parlare del rapporto con Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia. “Con Giorgia abbiamo un bel rapporto, una sintonia profonda su tutti i temi più importanti. L’ho conosciuta a Roma e mi ha impressionato questa giovane leader così forte e determinata, sono molto felice anche che il suo partito stia crescendo”. Tanti complimenti ed elogi per la Meloni, che sembra aver trovato un grande appoggio dal leader di Vox, che ha sottolineato come la crescita del partito di FI dimostra che “la coerenza è stata premiata”.

Vox e Fratelli d’Italia

Con una certa sicurezza e sfrontatezza, Abascal ha parlato direttamente del rapporto tra Vox e Fratelli d’Italia, affermando che “in Europa già lavorano quasi come se fossero un gruppo unico”. Un’intesa che però non si fermerebbe solamente al partito della Meloni, ma che si estenderebbe anche a quello di Salvini, che aveva mostrato simpatia proprio verso i separatisti catalani, attirando gli attacchi della stampa spagnola verso il gruppo politico di Abascal, difeso poi dalla Meloni stessa: “Le parole chiare e forti di Giorgia ci sono state di grande aiuto. Con la Lega abbiamo idee simili sull’immigrazione”. Infine una riflessione proprio sulla recente vittoria in Spagna, cui il leader di Vox aveva già il segreto in mano per vincere la battaglia: “La difesa della nazione contro ogni separatismo”. Una vittoria nata dal “basso”, nata da un’opposizione per far conoscere alla Spagna un’alternativa patriottica e sociale. “Con pochissime risorse derivanti dai nostri volontari e con una continua campagna di demonizzazione ai nostri danni, abbiamo dimostrato in poco tempo che questo era possibile”, ha continuato il leader di Vox, affermando che per arrivare alla vittoria la battaglia è stata combattuta attraverso quattro punti. “La difesa dell’unità nazionale contro ogni tipo di separatismo, la difesa della sovranità nazionale contro i globalisti. La lotta contro l’immigrazione irregolare. E la difesa della libertà della persona, della famiglia e dell’impresa. La gente ha capito che soltanto Vox rappresenta una vera alternativa patriottica”.