Parla Ghislaine Maxwell e racconta l'inferno del carcere di New York

·1 minuto per la lettura

AGI - Niente più doccia quotidiana, perché le guardie la guardavano. Un topo che spuntava tutte le volte in cui andava in bagno. Per la prima volta dal carcere parla Ghislaine Maxwell, l'ereditiera britannica accusata di essere la complice di Jeffrey Epstein, il milionario newyorkese morto suicida dopo essere stato accusato di traffico sessuale minorile.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Principe Andrea nei guai, ragazza svela di essere stata sua 'schiava sessuale': il Palazzo trema

In un'esclusiva che sarà pubblicata domani per intero sul Mail on Sunday, il domenicale del tabloid britannico, Maxwell racconta l'inferno della sua vita al Metropolitan Detention Center di Brooklyn. "Andavo in bagno e c'era uno scarico fognario aperto: arrivava regolarmente un topo. L'ho detto alle guardie, ma non è stato fatto nulla fino a quando il topo non è saltato fuori e ha puntato contro una guardia che ha urlato di terrore. Alla fine lo scarico della fogna è stato coperto".

Maxwell rischia fino a 80 anni di prigione se sarà riconosciuta colpevole di abuso e reclutamento di minori per il suo ex fidanzato, il finanziere pedofilo. Lunedì comincia la selezione della giuria per il processo, che prenderà il via il 29 novembre: le udienze probabilmente riporteranno sotto la luce dei riflettori anche la relazione del principe Andrea, il terzogenito della regina Elisabetta II, con Epstein.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli