Parla Rosanna Della Corte, la donna che fece scandalo per la maternità a 62 anni: "Riccardo mi ha ringiovanita".

HuffPost

“Mio figlio mi ha dato tanta energia, mi ha ringiovanita”. A parlare è Rosanna Della Corte. Nel 1994 diventò la mamma più vecchia d’Italia. Concepì suo figlio a 62 anni. E allora furono tante le malelingue che giudicarono la sua scelta: “Ma sei matta, alla tua età! Un bambino stanca, non dorme, vuole mille cure. Come farai a stargli dietro? La vecchiaia è ingrata. Mica lo decidi tu quanto dura…”. Ma ora Rosanna è una felice donna di 87 anni, in salute. In un’intervista al Corriere della Sera ha raccontato la sua maternità “particolare”. La donna, da tempo in menopausa, diede alla luce il figlio Riccardo il 18 luglio del 1994, nella clinica Villa Luisa di Roma. Ora il figlio ha 25 anni, è ormai un uomo e sta bene. 

“Mai avuto un problema, un orecchione, una notte insonne. Un ragazzo d’oro, buonissimo. Però da un annetto non c’è. Lui non ha studiato tanto, ha fatto solo l’istituto per geometri, e si è dovuto accontentare. È andato a Milano, a lavorare in un ristorante, ma speriamo che non si trova una fidanzata, altrimenti non torna. Io non volevo, ma lo capisco, mica poteva restare qui a coltivare la terra che ci ha lasciato mio marito”.

La signora Rosanna racconta che lei e il marito viziarono molto il figlio Riccardo, anche perché nacque dopo la morte del suo primo figlio, che portava lo stesso nome. Il ragazzo fu travolto in un incidente stradale 28 anni fa. Si legge sul Corriere:

“Nel 1991, quando aveva 17 anni, me l’ammazzarono mentre andava al mare in Vespa. Una macchina gli tagliò la strada. Io ero morta, distrutta. Persi 25 chili. Vivevo al cimitero, dormivo persino davanti alla tomba e, se c’erano tuoni e lampi, gli dicevo ‘figlio mio, non avere paura, c’è mamma’. Mio marito capì che l’unica strada era tentare di averne un altro, e mi spronò”.

Da lì Rosanna e il marito cominciarono a cercare di adottare un bambino. Ma in tutti gli istituti rifiutavano la proposta dell donna perché reputata...

Continua a leggere su HuffPost