**Parlamento: per le Giunte Franceschini in pole e il Terzo polo può entrare in gioco con Costa**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 nov (Adnkronos) – Si compone in settimana il puzzle degli organismi interni di Camera e Senato. Domani alle 14.30 è convocata la Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato, mercoledì alla Camera sono in programma le riunioni della Giunta per le elezioni (alle 9,45) e della Giunta delle autorizzazioni (10,45). All'ordine del giorno c'è la scelta dei presidenti, ed è una partita che riguarda le opposizioni visto che si tratta di organi di controllo.

A palazzo Madama, secondo gli accordi presi e sottoposti a verifiche proprio in queste ore, la guida della Giunta toccherebbe al Pd, che dovrebbe proporre come membri Dario Franceschini, Anna Rossomando e Alfredo Bazoli. Il pole per la presidenza ci sarebbe l'ex ministro della Cultura. Alla Camera, invece, l'intesa potrebbe essere indicativa per gli equilibri futuri tra le opposizioni.

Per la Giunta per le autorizzazioni il nome che circola con più insistenza in Transatlantico è infatti quello di Enrico Costa (Azione), mentre la Elezioni potrebbe andare a un esponente M5s o anche a uno tra Articolo 1 (Fornaro) o Verdi (Borrelli). Un accordo capace di coinvolgere anche Azione potrebbe riaprire (e forse semplificare) la questione Copasir e Vigilanza Rai, le bicamerali di San Macuto che potrebbero essere composte entro fine novembre.

(Adnkronos) – I nomi che circolano con insistenza sono quelli di Lorenzo Guerini al Copasir e di un esponente del M5s (si parla di Alessandra Todde o Chiara Appendino) alla Vigilanza Rai. Nel Terzo polo, però, si ventilava anche l'ipotesi di candidare Maria Elena Boschi alla Vigilanza Rai.

Della questione ha parlato oggi Carlo Calenda al Tg1: "Io non mi aspetto niente. Il Pd, credo, prenderà il Copasir e il M5s, forse, la Vigilanza Rai. Noi lavoreremo per averla, ci mancherebbe. Questo è un lavoro che sa fare benissimo Matteo Renzi, se ne sta occupando lui. Dopodiché se arriva arriva, sennò ciccia", ha detto il leader di Azione.