Parma Capitale della Cultura 2020: bellezza, arte, creatività -2-

Lzp

Milano, 3 dic. (askanews) - Il programma di Parma2020 è un palinsesto di bellezza, arte e creatività scaturito dagli oltre 700 partner del territorio, che si può suddividere in quattro grandi azioni: le 65 iniziative del Dossier di candidatura e gli eventi speciali, che danno forma all'idea e al progetto culturale di Parma; l'energia del territorio,che vede oltre 150 iniziative sviluppate dai Comuni, dalla Provincia, dalle Diocesi, dalle imprese e delle associazioni; il programma dell'Università di Parma, con oltre 250 incontri sul tema della conoscenza; ed Emilia 2020, il programma coordinato con Piacenza e Reggio Emilia.

All'interno del Dossier di candidatura, il Progetto Pilota e le Officine contemporanee rappresentano il paradigma di Parma2020 e - fondendo patrimonio, culture e creatività internazionali - si sviluppano tra mostre, installazioni, produzioni, laboratori, musica, incontri e open call.

Il Progetto Pilota si sviluppa attraverso una serie di azioni sinergiche tra antichi luoghi e nuovi distretti. I distretti sono l'infrastruttura della città creativa, posizionati in luoghi significativi e rappresentano i punti di eccellenza del territorio: cultura educativa, imprese culturali e creative, agroalimentare, università, memoria, cinema, produzione musicale. Trovano solidi riferimenti amministrativi nell'Agenda Urbana 2030 - La città delle idee, il documento guida che Parma ha assunto come bussola del proprio cammino, sintesi tra gli indirizzi politico-amministrativi e le sollecitazioni emerse dal lungo percorso di partecipazione e confronto sviluppato con il territorio.

Il Progetto Pilota si compone di due mostre, un evento speciale e quattro open call: Time Machine (Palazzo del Governatore, 11 gennaio-3 maggio 2020), nata da un'idea di Michele Guerra, è curata da Antonio Somaini e sviluppa una riflessione su come l'invenzione dell'immagine in movimento abbia modificato la nostra percezione del tempo e dello spazio,il nostro vedere, sentire e interagire con ciò che ci circonda. Articolata in diverse sezioni, la mostra è un viaggio affascinante nel tempo,che si rivela in tutta la sua relatività e plasticità attraverso opere di artisti come Douglas Gordon,Rosa Barba, Tacita Dean, Stan Douglas, e filmmakers come Martin Arnold, Harun Farocki, Jean-Luc Godard e Bill Morrison.

Hospitale - Il futuro della memoria (Crociera dell'Ospedale Vecchio, Oltretorrente 24 aprile - 10ottobre 2020) è la più grande installazione di Parma2020, scaturita dall'immaginifico di Studio Azzurro, nell'iconica Crociera dell'Ospedale Vecchio. Una video-narrazione, articolata in più parti, che racconterà la storia dell'Hospitale nato dalle acque - i suoi canali, i mulini, le alluvioni - attraverso la presenza virtuale di due attori che assumeranno di volta in volta il ruolo di "io narrante" o di testimone degli eventi. Otto grandi superfici tessili, che occuperanno le pareti della navata centrale, diventeranno gli schermi sui quali si articolerà, da diversi punti di vista, il racconto della storia dell'Ospedale Vecchio. (segue)