Partita del cuore, Eros Ramazzotti e caso The Jackal: "Nazionale cantanti non è sessista"

·1 minuto per la lettura

Eros Ramazzotti 'in campo' per ricucire lo strappo tra la Nazionale cantanti e The Jackal dopo l'episodio spiacevole andato in scena ieri, alla vigilia della Partita del Cuore. Aurora Leone, componente dei The Jackal, sarebbe stata cacciata ieri sera dalla cena che ha preceduto il match. "Ciao a tutti. Noi della NIC ( Nazionale italiana cantanti) non siamo stati coinvolti direttamente nella vicenda scaturita dal comportamento di due persone dello staff. Stavamo parlando tra di noi mentre cenavamo, abbiamo sentito delle voci alzarsi senza capire cosa stesse succedendo. Io ho provato a recuperare la situazione che era oramai precipitata. Domani mattina (oggi, ndr) avremo un incontro con Aurora e Ciro per spiegare meglio la dinamica dell’avvenimento e scusarci pubblicamente dell’accaduto", scrive Ramazzotti in un post su Instagram pubblicato nella notte.

"NOI NON SIAMO SESSISTI e tantomeno RAZZISTI o OMOFOBI, anzi, ognuno fa qualcosa per chi ha bisogno ( da anni e in tempi non sospetti) sinceramente per un comportamento incauto di due persone dello staff, non possiamo passare per quello che non siamo. W sempre la solidarietà. W le donne che sono parte fondamentale della nostra vita", aggiunge.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli