Parto record in Marocco, 25enne maliana partorisce nove gemelli

·1 minuto per la lettura
featured 1319761
featured 1319761

Roma, 7 mag. (askanews) – Ha dato alla luce nove bambini, due in più di quanti ne avessero visti i dottori nelle ecografie. Halima Cisse, 25 anni, maliana, ha partorito a Casablanca, in Marocco, dove il governo del Mali l’ha fatta trasferire per avere cure specialistiche.

E’ entrata in ospedale quando era incinta di 25 settimane ma i medici sono riusciti a prolungare la gravidanza a 30 settimane, fino a quando sono iniziate le contrazioni. Ad assisterla nel parto un’equipe di 10 medici e 25 paramedici. Sono nati cinque femmine e quattro maschi con taglio cesareo.

Un parto con nove bambini è rarissimo e di solito prevede complicazioni per i nascituri più deboli, ma secondo il ministero della Salute del Mali la mamma e i bambini stanno tutti bene. “E’ passato quasi un mese e mezzo dal parto – ha raccontato Youssef Alaoui, direttore medico della clinica di Casablanca – la signora Halima è stata accolta qui all’inizio di marzo per il parto di sette bambini, così ha scelto il Marocco, perché i nostri colleghi maliani hanno fiducia in noi, hanno visitato le nostre strutture di alto livello in termini di rianimazione neonatale, e altre attrezzature specialistiche”.

I piccoli, ha spiegato ancora, “sono ricoverati in rianimazione neonatale, il loro peso varia da 500 grammi a un chilo. Per il momento sono stabili, tre di loro sono intubati, due sotto ossigeno. Resteranno alcune settimane nelle incubatrici”.

La gravidanza della ragazza era diventata un caso di interesse nazionale in Mali già dopo la notizia che si trattava di sette bambini. Un parto da record; prima di lei una donna americana 33enne, Nadya Suleman, soprannominata “Octomum”, nel 2009 aveva dato alla luce 8 bambini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli