Pasqua 2021 zona rossa, ecco il decreto covid

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Italia ufficialmente zona rossa per Pasqua 2021. Il Cdm ha infatti varato il decreto Covid con la stretta e nuove regole e restrizioni per i cittadini. Da lunedì 15 marzo fino al 6 aprile, quindi, le Regioni che avranno un numero settimanale di casi superiore a 250 ogni 100.000 abitanti passeranno automaticamente in zona rossa.

Tra le norme inserite, anche quella che prevede che tutte le regioni in area gialla passino in arancione a partire da lunedì prossimo . Per le festività pasquali, dal 3 al 5 aprile, le misure previste per la zona rossa si applicheranno su tutto il territorio nazionale. Sarà comunque possibile spostarsi all’interno della propria regione verso una sola abitazione privata, una volta al giorno, massimo due persone.

Nel dl trovano spazio anche i congedi parentali per alleviare le famiglie alle prese col nuovo giro di vite deciso dal governo. Il Consiglio dei ministri ha stanziato circa 290 milioni di risorse. "I congedi parentali, il diritto allo smartworking e il bonus baby sitter entrano nel decreto legge che abbiamo appena approvato in Consiglio dei Ministri". Così la ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti. "Si tratta di 290 milioni di euro per far fronte alle difficoltà delle famiglie, in seguito alle nuove misure restrittive che si rendono necessarie per contrastare la diffusione del Covid-19. Tutelare le lavoratrici e i lavoratori è una priorità, unitamente al diritto dei minori di essere accompagnati in questa fase di ripresa della didattica a distanza. I congedi saranno retroattivi dal 1 gennaio 2021 e retribuiti al 50% sotto i 14 anni. Dai 14 ai 16 saranno usufruibili senza retribuzione", sottolinea.

"Abbiamo inoltre reintrodotto il diritto allo smart working per chi ha figli sotto i 16 anni. Per i lavoratori autonomi, gli operatori sanitari e le forze dell’ordine abbiamo previsto il bonus baby sitter fino a 100 euro alla settimana. Sono misure necessarie e doverose per sostenere concretamente le famiglie e tutti i bambini e ragazzi del nostro Paese".