Pasqua, Cirinnà: "Cannibale chi mangia agnello"

·1 minuto per la lettura

(Adnkronos) - "Chi mangia l'agnello" a Pasqua "è cannibale, l'ho detto e lo confermo. Non si mangiano i figli di altre madri: avete mai visto portare via gli agnelli? Io si, le pecore corrono dietro ai camion e urlano. Non c'è bisogno di mangiare l'agnello". La pensa così la senatrice Pd e vegetariana convinta Monica Cirinnà, che oggi è intervenuta alla trasmissione di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora. Cosa direbbe a chi invece ieri o oggi ha messo l'agnello a tavola? "Nulla. Ognuno risponde alla sua etica e alla sua morale", conclude la dem.

Il tema viene sottoposto a Clemente Mastella, sindaco di Benevento, e a sua moglie, la senatrice Sandra Lonardo. Secondo Monica Cirinnà solo dei 'cannibali' possono mangiare l'agnello? "Dico la verità: sarebbe la stessa cosa per altri cuccioli come il vitello. Alla Cirinnà bisognerebbe spiegare che l'agnello ed il vitello c'erano già nell'ambito della Bibbia. Per cui questa cosa, il non mangiare l'agnello, mi pare una cosa strana", la replica.

Quindi voi a Pasqua l'agnello lo preparate eccome. "Certo – dice la senatrice e ieri, per Pasqua, ho cucinato l'agnello con la mollica di pane, una cosa molto particolare”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli