Pass verde, l'allarme dei governatori: "Che il Governo cambi le regole, altrimenti sarà caso"

·2 minuto per la lettura
Green pass, l'allarme dei governatori: "Dal 15 si rischia il caos"
Green pass, l'allarme dei governatori: "Dal 15 si rischia il caos"

Venerdì 15 ottobre l’obbligo di mostrare il Green pass per tutti i dipendenti del settore pubblico e di quello privato sarà realtà. Tuttavia, alcuni esponenti della Lega stanno chiedendo al governo di intervenire e di ripensarci con il fine di evitare che il 15 ottobre esploda il caos sui luoghi di lavoro. Infatti, sui social, Matteo Salvini ha scritto:

Allungare la durata minima del Green pass da 48 a 72 ore è possibile, anzi doveroso e previsto dall’Europa. Evitare caos, blocchi e licenziamenti il 15 ottobre è fondamentale“.

Green Pass, Fedriga lancia l’allarme: “Che il Governo cambi i piani, altrimeti sarà caos nelle aziende”

Stessa posizione anche per uno dei governatori di peso della Lega, Massimiliano Fedriga, presidente del Friuli-Venezia Giulia e presidente della Conferenza delle Regioni. Fedriga vorrebbe promuovere al tavolo della conferenza, previsto per il 13 ottobre, la riorganizzazione del sistema di rilascio del Green pass a seguito dell’esecuzione dei tamponi. Il suo obiettivo è di allungare i tempi di validità che al momento sono di 48 ore con test rapido e 72 ore con molecolare. Inoltre, il fine è quello di dare alle imprese la possibilità di organizzarsi in maniera autonoma per eseguire i test, col supporto delle farmacie. In un’intervista alla Stampa, Fedriga ha detto:

Il governo deve intervenire tempestivamente, per consentire alle imprese di organizzarsi. Non possiamo penalizzare le aziende in questa fase fondamentale di ripresa. Bisogna fare presto, perché il 15 ottobre è arrivato e le aziende non possono organizzarsi dall’oggi al domani. E in molti casi, si pensi ad esempio agli autisti del trasporto pubblico locale, non possono permettersi di lasciare a casa i lavoratori, perché non sanno come sostituirli“.

Green Pass, Zaia lancia l’allarme: “Nelle aziende sarà caos”

D’accordo con queste parole è l’uomo forte del partito nel Nord-Est, il presidente del Veneto Luca Zaia, che su Repubblica ha sottolineato questa impellente necessità di modificare il decreto:

Scoppierà il caos nelle aziende il 15 ottobre, perché non saremo in grado di offrire a tutti i non vaccinati un tampone ogni 48 ore. Non si tratta di contestare il Green pass, bensì di guardare in faccia la realtà: gran parte di questi 590mila non vaccinati probabilmente non si vaccineranno mai, e del resto una quota di scettici c’è in tutti i paesi per qualsiasi vaccinazione“.

Green Pass, Zaia lancia l’allarme: “Diamo alle aziende la possibilità dei test fai da te”

Aggiunge, inoltre, che:

“Bisogna consentire di fare i test fai da te nelle aziende, con la sorveglianza delle imprese. Poi si allunghi la durata dei test da 72 a 48 ore e si pensi a un prezzo politico dei tamponi per i lavoratori. I tamponi nasali sono certificati e diffusi in tutto il mondo. I controlli in questo caso si farebbero direttamente in azienda. Da amministratore ho l’obbligo di guardare in faccia la realtà. Cosa faranno questi 590mila senza protezione? Resteranno senza lavoro?“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli