"Passerà se seguite le regole", Giulia da Codogno scrive ai giovani

webinfo@adnkronos.com

di Antonietta Ferrante"Mi chiamo Giulia, ho 17 anni e abito a Codogno. Vorrei indirizzare questa lettera a tutti i miei coetanei sparsi per l'Italia per far capire cosa e come fare affinché le nostre vite possano tornare alla normalità. Sono tre le settimane che io e i ragazzi che abitano nell'originaria zona rossa, abbiamo passato in quarantena e altrettante sono quelle che ci aspettano". Inizia così la lettera che una ragazza, ormai famosa su social e tv, ha indirizzato attraverso l'Adnkronos ai giovani costretti in casa. Un appello a non uscire e a rispettare le regole per superare l'emergenza coronavirus. 

"Abbiamo dovuto adattarci letteralmente da un giorno all'altro a un mondo che non ci apparteneva: giovedì 20 febbraio è stata la nostra ultima giornata vissuta in modo normale, mentre già dalla mattina dopo a scuola ci sono arrivate tante notizie sparse e poco chiare. Il sabato sera l'abbiamo passato chiusi in casa, ognuno nella propria, invece di cenare insieme oppure andare in discoteca. Abbiamo rinunciato da subito a tutto quello che prima consideravamo routine, e l'abbiamo fatto con ovviamente tanto dispiacere e paura ma anche consapevolezza", scrive alternando paura e fiducia. 

"Vorrei rivolgermi a voi che vi siete ritrovati nella zona rossa solo questa domenica e che probabilmente avete sottovalutato il problema fino a quel giorno. Io vi dico che è possibile rinunciare alla vostra quotidianità per un periodo di tempo. E possibile rinunciare alla routine scolastica, alla pizza il sabato sera, alla discoteca con gli amici e al viaggio che tanto aspettavate. Dovete e dobbiamo farcela tutti, così da poter tornare alla normalità il prima possibile, e recuperare ogni cosa persa, che in questo momento credo sia il sogno dell'Italia intera. Passerà, ne sono sicura, ma dobbiamo rimanere uniti e rispettare ciò che ci viene detto!", è l'abbraccio virtuale della giovane studentessa a tutti i coetanei lungo la Penisola.