Pastore positivo al Covid, il sindaco bada agli ovini

·1 minuto per la lettura
Gaspare Giacalone sul profilo Facebook
Gaspare Giacalone sul profilo Facebook

"Sono corso subito all’ovile”. Gaspare Giacalone, il sindaco di Petrosino, nel Trapanese, ha accompagnato con queste parole una foto pubblicata su Facebook nella quale appare accanto a un gregge rimasto senza pastore.

Il primo cittadino di Petrosino, chiamato lo scorso febbraio da Nicola Zingaretti a far parte della direzione nazionale del Pd, ha voluto aiutare il pastore Antonio, che affetto da Covid, non poteva badare ai suoi animali.

"Mi trovate tra pecore, agnellini e caprette perché Antonio, il pastore, mi ha chiamato disperato per loro. Ha appena saputo di essere risultato contagiato con la sua intera famiglia e non riesce a trovare nessuno che possa accudire il suo gregge", ha scritto il sindaco sui social.

Giacalone, non poteva lasciare inascoltato l'appello del pastore, perché il suo ruolo comporta responsabilità e forte senso di comunità: "Non ho mai pensato che fare il sindaco fosse tutto onore e gloria. È mettere i piedi nella terra bagnata di sudore, dove c'è lavoro e sacrificio. Dove c'è sofferenza e bisogno. Oggi mi sento un po' più sindaco".

GUARDA ANCHE: Álvaro, il pastore spagnolo diventato migrante climatico dopo un incendio

GUARDA ANCHE: Pascolo urbano a Parigi, branco di pecore passeggia in città

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli