Patente rinnovata a 100 anni

Candida Uderzo
Candida Uderzo

Candida Uderzo è una donna di 100 anni, che riesce a ragionare ancora benissimo, che ci vede perfettamente e sa guidare. Per questo la sua patente è stata rinnovata fino al 2024.

Vicenza, donna di 100 anni rinnova la patente fino al 2024

A maggio ha compiuto 100 anni e si è presentata in autoscuola per il rinnovo della patente. Candida Uderzo ci vede bene, riesce ancora a ragionare e sa guidare. La patente le è stata rinnovata per altri due anni, con scadenza nel 2024. “Ho 100 anni, sono stata davvero fortunata ad essere così in salute, in ospedale? Ci sono andata una volta sola per un’ernia poi basta” ha dichiarato la donna, nata nel 1922, che si sente perfettamente in forma, tanto da guidare l’auto e andare a trovare la sorella in bicicletta. “Ogni domenica alle 6 sono pronta a partire da sola o coi miei amici parto per la mia camminata domenicale. Mi piace molto marciare e non ho nessuna intenzione di smettere” ha aggiunto la donna, che ha iniziato a marciare all’età di 50 anni, dopo essere rimasta vedova. “Andavo via con le mie amiche a marciare, passavo un po’ di tempo in compagnia, tra chiacchiere e risate. Mi ha aiutato molto. Così quando sono andata in pensione mi sono iscritta al gruppo Laverda. E da quel momento non ho perso una domenica” ha raccontato.

Patente rinnovata a 100 anni, il figlio: “Non ci credevo”

Candida Uderzo sembra dimostrare 20 anni di meno. “Ho avuto la fortuna di arrivare fin qui senza disturbare nessuno, mangio di tutto, mi sono sempre appassionata della vita. Mi piaceva andare in montagna a camminare, a funghi, muovermi. Ma anche parlare con la gente, scambiarmi le opinioni con altre persone. Insomma non sono una non che è rimasta sempre chiusa in casa” ha raccontato la donna. “Candida? Da 50 anni è una forza della natura, da che mi ricordo io non ha mai avuto problemi di salute” ha raccontato Wilma Abriani, presidente del gruppo Laverda. La donna non prende nessun medicinale, tranne qualche pastiglia quando non riesce a dormire. La donna ha un figlio, Gianni, incredulo di fronte alla decisione sulla patente. “Quando le hanno rinnovato la patente quasi non ci ho creduto, pensavo che glie l’avrebbero tolta. È vero che fisicamente è perfetta, capace di intendere e volere, legge il giornale senza occhiali. A volte decidono di toglierla comunque perché a questa età un malore può sempre capitare. Lei però è davvero sana. Le abbiamo chiesto, per stare tranquilli, di rimanere nei paraggi. Non le abbiamo ancora messo il Gps in auto, ma di solito ci dice dove va” ha spiegato il figlio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli